news
Soppressa la Dichiarazione F-gas
12/03/2019

Soppressa la Dichiarazione F-gas

Soppressa la Dichiarazione F-gas: la dichiarazione  relativa alle informazioni del 2018 (termine di comunicazione 31 maggio 2019) non dovrà essere trasmessa.

 

Il 24 gennaio 2019 è entrato in vigore il DPR 146/2018 in adeguamento al Regolamento (CE) n, 517/2014 che disciplina il nuovo sistema di gestione dei GAS FLUORUTATI  ad effetto serra.

Le nuove disposizioni introducono importanti novità in materia di controllo e comunicazione dei dati relativi alla emissione di gas serra dalle apparecchiature fisse refrigerazione, di condizionamento d'aria, di pompe di calore fisse, di apparecchiature di protezione antincendio e di celle frigorifere di autocarri e rimorchi frigorifero contenenti un carico di gas fluorurati.

E’ opportuno ricordare che  i proprietari delle apparecchiature fisse di refrigerazione, di condizionamento d'aria, di pompe di calore fisse, di apparecchiature di protezione antincendio e di celle frigorifere di autocarri e rimorchi frigorifero contenenti un carico di gas fluorurati, ai sensi della precedente normativa, sono da considerare soggetti ad effettuare:

1. La dichiarazione FGAS annuale ad ISPRA (entro il 31 maggio)  per ciascuna apparecchiatura o sistema appartenente ad una delle citate tipologie qualora contenente una carica circolante di 3 kg o più di gas fluorurati ad effetto serra. Se le apparecchiature sono ermeticamente sigillate ed etichettate come tali l’obbligo parte da 6 kg.

2. I controlli periodici delle apparecchiature contenenti gas fluorurati a effetto serra in quantità pari o superiori a 5 tonnellate equivalenti di CO (10 tonnellate equivalenti di Co2 se ermeticamente sigillate ed etichettate come tali).

3. Conservare il libretto di impianto ed attuare il Registro dei controlli periodici per la prevenzione di perdita di emissioni di gas climalteranti.

Innanzitutto il DPR 146 ridisegna il sistema delle certificazioni e di  accreditamento  per gli operatori che effettuano controlli, recupero di gas fluorurati a effetto serra,  installazione, riparazione, manutenzione o assistenza, smantellamento di apparecchiature contenenti gas fluorurati, istituendo presso il Ministero dell’Ambiente Il Registro telematico nazionale delle persone e delle imprese certificate.

Il Registro, gestito dalle Camere di commercio competenti, contiene le indicazioni relative agli  organismi di certificazione e dei soggetti certificati e dei soggetti esonerati dalla certificazione.

Il decreto  introduce novità in tema di tenuta dei registri: obbligo che sarà rispettato mediante la comunicazione alla Banca dati dalla quale sarà possibile scaricare un attestato contenente tutte le informazioni relative alle proprie apparecchiature.

 I registri delle apparecchiature devono contenere le seguenti informazioni:

  • nome, indirizzo postale, numero telefonico dell'operatore;
  • informazioni sulla quantità e il tipo di gas fluorurati installato (se non indicato nelle specifiche tecniche del fabbricante o sull'etichetta, dovrà essere definito da personale certificato);
  • le quantità di gas fluorurati aggiunti durante l'installazione, la manutenzione o l'assistenza o a causa di perdite;
  • le quantità di gas fluorurati installati che sono state riciclate o rigenerate, incluso il nome e l'indirizzo dell'impianto di riciclaggio o rigenerazione e, se del caso, il numero di certificato;
  • le quantità di gas fluorurati a effetto serra recuperati;
  • le date e i risultati dei controlli delle perdite, nonché la causa delle eventuali perdite rilevate;
  • qualora l'apparecchiatura sia stata smantellata, le misure adottate per recuperare e smaltire i gas fluorurati a effetto serra;
  • identità dell'impresa/del personale che ha svolto le attività;
  • date e risultati dei controlli del sistema di rilevazione delle perdite (se installato);
  • altre informazioni pertinenti.

 

Non è necessario tenere registri per le apparecchiature mobili di condizionamento d'aria o i veicoli frigorifero diversi da autocarri o rimorchi.

A Pertanto, a partire dal 25 settembre 2019, l’obbligo di tenuta dei registri sarà rispettato mediante la comunicazione alla Banca dati di tutte le  relative alle attività di controllo delle perdite nonché alle attività di installazione, assistenza, manutenzione, riparazione, smantellamento, sono comunicate, per via telematica, alla Banca dati  dalla quale sarà possibile scaricare un attestato contenente tutte le informazioni relative alle proprie apparecchiature.

A decorrere dalla data di entrata in vigore del D.P.R. n. 146/2018, è inoltre abrogato l’obbligo di   comunicazione ad ISPRA da parte dei  proprietari delle apparecchiature contenenti gas fluorurati  da effettuarsi  entro il 31 maggio di ogni anno.

In sostituzione di tale onere a carico di numerosi soggetti, è stata istituita la Banca dati   in materia di raccolta e conservazione delle informazioni relative alle attività di controllo delle perdite nonché le attività di installazione, assistenza, manutenzione, riparazione, smantellamento delle apparecchiature contenenti gas fluorurati a effetto serra.

Con il nuovo registro telematico infatti l’obiettivo è quello di reperire le informazioni riguardanti la quantità  di emissioni in atmosfera degli apparecchi direttamente dai dati inseriti nel registro telematico da personale qualificato e certificato.

Pertanto gli utilizzatori/proprietari di apparecchiature avranno soltanto l’obbligo di assicurare che le stesse:

1.          vengano installate da personale o aziende certificate (dichiarazione rilasciata in fase di acquisto al venditore),

2.         vengano sottoposte ai controlli periodici previsti dal legislatore - se contenenti di 5 tonnellate di CO2 equivalente – e che tali controlli siano effettuati da parte di personale e aziende certificate

3.         che le imprese incaricate al controllo periodico e agli interventi di assistenza, manutenzione, riparazione effettuino le dovute comunicazioni alla Banca dati.

La Banca dati consentirà un maggiore tracciamento dei gas e degli apparecchi raccogliendo dalle imprese i dati sui gas fluorurati immessi sul mercato e utilizzati, nonché le informazioni sulle installazioni, le manutenzioni e lo smantellamento degli impianti contenenti i gas

 

Tabelle di sintesi

  
Le
tempistiche dei controlli periodici

 

Apparecchiature contenenti:

   Frequenza controlli

    Se presente sistema di rilevamento delle perdite*

Quantità equivalente di CO

>5 t *- < 50 t

*10 t in caso di apparecchiature  ermeticamente sigillate

1 volta ogni 12 mesi

1 volta ogni 24 mesi

 

Quantità equivalente di CO
> 50 t < 500 t

 

1 volta ogni 6 mesi

1 volta ogni 12 mesi

 

≥ 500 t di quantità equivalente di CO

 

1 volta ogni 3 mesi

1 volta ogni 6 mesi

 

* Il sistema di rilevamento perdite, obbligatorio per le apparecchiature contenti refrigerante fluorurato a effetto serra in quantità pari o superiore a 500 tonnellate equivalenti di CO, va fatto controllare almeno una volta ogni dodici mesi per accertarne il corretto funzionamento.

 

Per facilitare la comprensione delle quantità di refrigeranti fluorurati a effetto serra in termini di tonnellate equivalente di CO sono riportate nella seguente tabella le quantità di refrigerante espresse in kg:

 

Tonnellate equivalenti di CO2  (tCO2e)

 

 

 

5

10

50

500

 

 

 

 

 

 

 

 

Refrigeranti

 GWP

Carica di refrigerante (kg)

R134a

1.430

3,5

7,0

35,0

349,7

 

R32

675

7,4

14,8

74,1

740,7

 

R404A

3.922

1,3

2,5

12,7

127,5

 

R407A

2.107

2,4

4,7

23,7

237,3

 

R407C

1.774

2,8

5,6

28,2

281,9

 

R407F

1.825

2,7

5,5

27,4

274,0

 

R410A

2.088

2,4

4,8

24,0

239,5

 

R413A

2.053

2,4

4,9

24,4

243,5

 

R417A

2.346

2,1

4,3

21,3

213,1

 

R422A

3.143

1,6

3,2

15,9

159,1

 

R422D

2.729

1,8

3,7

18,3

183,2

 

R427A

2.138

2,3

4,7

23,4

233,8

 

R434A

3.246

1,5

3,1

15,4

154,0

 

R507