Il presidente della sezione economica del settore lattiero caseario è Luigi Barbieri ed il vice presidente Francesco Martinoni.

Vacche da latte

Dopo una difficile e lunga stagione caratterizzata da un prezzo del latte alla stalla ai minimi storici, il 2017 ha visto una svolta positiva.

Tutto il comparto lattiero caseario è stato caratterizzato da un importante incremento dei valori sul marcato che si sono tradotti in un significativo aumento del prezzo riconosciuto agli allevatori.

A far da traino alle quotazioni, oltre al Grana Padano, hanno contribuito il deciso rialzo dei prezzi di burro e di siero dopo anni di forte ribasso.

L’incremento del prezzo medio alla  stalla (+10,67%) e della produzione (+3,75%) hanno portato a un aumento del fatturato del settore (+14,82%) nella nostra provincia rispetto all‘anno precedente che nel 2017 è stato di 534 milioni di euro pari al 35,4% della PLV bresciana. Da segnalare come negli ultimi mesi del 2017 si è assistito ad un nuovo trend negativo del mercato, confermando la volatilità del settore alle prese con significativi aumenti di produzione.

Gli interventi dell’Unione Europea volti a favorire una riduzione della produzione, avviati nel 2016, hanno esaurito il loro effetto tanto da far registrare nella seconda metà del 2017 aumenti in tutti i Paesi, con una crescita nella Ue del 5,7%.

A questo si unisce la crescita produttiva delle grandi Dop casearie (Grana Padano e Parmigiano Reggiano), che ha determinato una fase di flessione di prezzi dei due formaggi iniziata lo scorso autunno.

Nel comparto del Grana Padano, pilastro del nostro settore lattierocaseario, si è acuita la questione dei formaggi “similgrana” a fronte della quale il Consorzio sta studiando una strategia adeguata capace di fronteggiare a tutto campo l’aggressività commerciale di questi prodotti. Continua l’accordo con il gruppo Lactalis che, attraverso il meccanismo dell’indicizzazione (media europea del prezzo del latte alla stalla e quotazioni del Grana Padano), aggiorna mensilmente il prezzo del latte da fatturare.

I primi mesi del 2018 registrano una preoccupante contrazione dei prezzi.