Il 2017 per il settore olivicolo-oleario si è chiuso con un grande calo della produzione su tutto il territorio. Sia per quanto riguarda la zona del Garda che per quella dei Laghi Lombardi c’è stata una flessione della produzione sensibile, che si attesta in media intorno al 40% in meno rispetto all’annata precedente; alcune zone, infatti, non hanno quasi raccolto. La campagna 2016-2017 ha visto la produzione di altissime quantità, molto superiore alla media delle annate precedenti, grazie al grande caldo, fattore che dà ancora maggiore risalto al recente calo. Nel frattempo, però, la produzione è stata qualitativamente ottima grazie al grande caldo che ha caratterizzato l’estate 2017 e grazie all’assenza di umidità e di attacchi di insetti. Il prodotto, seppur poco, è quindi risultato ottimo. In generale il comparto olio ha funzionato bene anche grazie alle DOP, specialmente per il Garda DOP che ha visto una vendita ottimale. Le rimanenze sono infatti nulle e il pro- dotto non arriva alla Campagna successiva. I prezzi al contempo sono ottimi e si attestano su valori molto più elevati delle altre DOP italiane. Il prezzo medio delle olive rilevato dal- la Camera di Commercio è di 1,40 €/kg mentre il costo dell’olio DOP della zona del Garda è stato tra i 16 e i 18 €/kg e quello dei Laghi Lombardi tra i 19 e i 21 €/kg.
 

 

 

 

 

Il presidente della sezione economica olivicoltura è Rita Rocca.

Vicepresidente è Marco Penitenti.